sabato 10 maggio 2014

F.I.G.C. SERIE C, IL PUNTO DELLE SEMIFINALI PLAYOFF!

CAMPIONATO REGIONALE
CALCIO A CINQUE FEMMINILE  F.I.G.C. - SERIE C
STAGIONE 2013-‘14
IL PUNTO DELLE SEMIFINALI PLAYOFF 

FLAMINIA FANO - PIAN DI ROSE S. IPPOLITO    2-1   [Flaminia qualificato alla finale Playoff regionali]
Reti: 43° e 57° Claudia Giovanelli (FF, a sinistra), 48° Silvia Vandini (PdR, sotto a destra).
Commento: da Flaminia ci raccontano:” Una doppietta di Claudia Giovanelli lancia il Flaminia nella finale play off a spese del Pian di Rose, la squadra piu in forma del momento, che si piega alle giocate della stella biancoazzurra che nelle ultime battute risolve una complicatissima semifinale. Beltrami ritrova capitan Papi e appunto la Giovanelli, ma deve fare ancora a meno di Aiudi, Tiltu e Marcucci; il quintetto iniziale vede quindi Baldelli in porta, Fatica, Letizi, Longarini e Giovanelli. Le ospiti di mister Zanchetti, imbattute in tutto il girone di ritorno, rispondono con Carnevali tra i pali, Vandini, Giacomini, Falcioni e Bucchi. Il primo tempo vede regnare il grande equilibrio e la pesantezza della posta in palio porta le due squadre ad una grande attenzione difensiva che fa terminare la frazione con un inedito 0-0 in cui la principale occasione si fa registrare al minuto 10 con un palo colpito da Longarini. Nella ripresa, rispetto al quintetto iniziale, Beltrami schiera Bonito al posto della stessa Longarini, mentre le ospiti propongono Barbanti al posto di Giacomini. Stavolta il gol arriva subito e porta la firma di Giovanelli che al terzo minuto sblocca la contesa con un sinistro da fuori area; la situazione torna in parità al minuto 18 quando la solita Vandini di testa sfrutta una indecisione di Longarini e Baldelli, che si scontrano su un rinvio del portiere avversario, e deposita in rete la palla del pareggio. Entrambe le formazioni provano a vincerla, anche perchè al Pian di Rose il pareggio non basta, e a quattro minuti dal termine arriva il letale contropiede tre contro uno finalizzato ancora da Giovanelli che regala al Flaminia una finale meritata e sofferta. Avversario di turno il temibile Filottrano (3-1 al Real Lions Ancona), secondo classificato in stagione regolare, che potrà usufruire del fattore campo: serve la grande impresa!
Da Piandirose narrano:” "I sogni muoiono all'alba", parafrasando l'opera teatrale del maestro Montanelli. Dopo quattro mesi di imbattibilità e quindici risultati utili consecutivi termina in un epilogo amaro una stagione in fin dei conti esaltante. La sfida play off contro il Flaminia di mister Beltrami da lustro alle due squadre che si battono per un posto in finale. Flaminia con merito vince la gara di misura dopo un ora in cui nel complesso crea maggiore mole di gioco cercando di imporre il proprio palleggio; i contenuti tecnici seppur condizionati dalla posta in palio vengono palesati da interpreti di livello notevole nelle fila bianco azzurre. La prima parte un poco soporifera viene registrata con una pericolosa conclusione di Longarini che scheggia il palo, Falcioni di testa fuori di poco, una percussione di Vandini trattenuta da Baldelli. Le note forti nel secondo tempo. Due contropiedi fulminanti di Giovanelli aprono e chiudono l'incontro. in entrambe le circostanze la palla rubata viene trasformata in oro dal centrale locale. In occasione della seconda rete un vizio di irregolarità  viene lamentato sull'intervento di intercetto, ciò non toglie la bontà del gesto e la freddezza nella finalizzazione. Il pari momentaneo di Vandini su lungo servizio di Carnevali riaccende le speranze gialloblù, e nei minuti seguenti il PdR si fa preferire per intensità, pressione e iniziativa, il sorpasso sembra possibile una punizione ribattiuta sulla linea da Longarini, un paio di interventi di Baldell iscongiurano il peggio e una voleè di Vandini da manovra d' angolo si spegne a fil di palo. Flaminia si rivede con una conclusione velenosa di Longarini che per poco carambola in rete. Pian di Rose forza alla ricerca della rete che regalerebbe l'accesso in finale ma si espone fatalmente al contropiede bianco blu e Giovanelli  senza esitare chiude l'incontro; e per il PdR anche  i sogni, che come da incipit muoiono all'alba.”

POLISPORTIVA FILOTTRANO - REAL LIONS ANCONA    3-1  [Filottrano qualificato alla finale Playoff regionali]

Reti: 48° Francesca Liuti (PF, a fianco), 53° Daniela Paglioni (RLA), 56° Sara Berti (PF), 61° Rebecca Lasca (PF).  
Commento: Mister Buschittari del Filottrano ci fa sapere:” Partita vera e a mio avviso divertente affrontata da entrambe le squadre con lo spirito giusto e a viso aperto. Nei primi 10 minuti un maggior possesso di palla nostro ma che non produce effettivi problemi alla porta delle reali anche per una manovra un po' lenta e prevedibile. Poi esce fuori il Real e la circolazione della palla aumenta di velocità trovando spesso varchi verso la porta. Sono 15 minuti in cui vengono costruite una mezza dozzina di palle gol dalle anconetane ma il nostro portiere fa un ottima guardia tra i pali e sventa tutte le minacce superandosi in almeno un paio di occasioni con interventi veramente eccezionali. Negli ultimi minuti riusciamo a prendere meglio le misure e le ospiti rifiatano lasciandoci riprendere il controllo del campo terminando la prima frazione di gioco a reti inviolate. Nella ripresa invece teniamo meglio il campo e non commettiamo gli errori del primo tempo chiudendo gli spazi e la fonte di gioco avversaria. In avanti poi siamo più incisivi e ci accostiamo spesso al tiro anche se siamo ancora molto imprecise. Al 48° un azione di contropiede gestita ottimamente con tre passaggi mette Liuti a tu per tu con Paglioni e la ex non sbaglia sbloccando il risultato in nostro favore. Teniamo bene il campo ora ma non riusciamo a chiudere la partita in un paio di occasioni così un tiro di Paglioni da centrocampo sorprende Papa e porta in parità il risultato. Ora le anconetane ci credono e spendono le loro energie sul pressing cercando di rubare palla ma noi manteniamo la calma e al 53° raddoppiamo con Berti. Il Real non ci sta e continua il forcing alla ricerca del pareggio che riaprirebbe la partita ma noi facciamo buona guardia e a tempo quasi scaduto è Lasca che porta a tre le reti per Filottrano. Il triplice fischio arriva quasi subito e le facce stremate delle ragazze che tornano in panchina la dice lunga sull'intensità della partita. Ora ci aspetta la finale con Flaminia la prossima settimana e sarà un altra battaglia...”

Tamburrini Paolo

Archivio blog