giovedì 19 novembre 2015

C.S.I. "OPEN", ALL'AUDAX IL RECUPERO COL CASTRUM LAURI!


RECUPERO 2^ GIORNATA  
Sopra: le due squadre a centrocampo. Sotto: alcune giocatrici del Castrum Lauri salutano prima dell'inizio.


AUDAX MONTECOSARO - CASTRUM LAURI LORO PICENO    5-1    (martedì 17-11-’15
Reti: 8° Laura Menichelli (AM), 12° Francesca Casazza (AM), 18° e 49° Arianna Sanità (AM), 31° Olga Maccari (CLLP), 45° Martina Parmegiani (AM). 
Commento: Seconda vittoria per l’Audax di coach Romoli nel recupero della seconda giornata. Gara che l’Audax imposta bene in fase d’attacco, passando pero’ un po’ fortunosamente all’8°, quando un tiro di Menichelli è deviato dalla castrense De La Cruz che spiazza il portiere Catalini. Le neroverdi giustificano il vantaggio al 12° quando Torresi calcia forte in diagonale da sinistra e sul secondo palo Casazza insacca il raddoppio. La terza rete arriva con una bomba dalla distanza di Sanità. Quarto centro sfiorato da Ivanètic al 19° , ma sula sua botta è brava Catalini nella deviazione. A questo punto il Castrum Lauri ha una reazione d’orgoglio e sfiora piu’ polte il gol: al 20° doppia respinta di Galiè su due sberle ravvicinate di Lucrezia Latini, al 24° contropiede solitario di Silvia Amadio ma Galiè chiude in uscita e poi, al 25°, Emma De La Cruz legnata indirizzata sul “sette” sinistro, Galiè ci mette la mano provvidenziale. Ad inizio riprese le loresi raccolgono il gol che risulterà quello della bandiera con una bella azione di Silvia Amadio a sinistra, gram botta bassa, Galiè di piedi fa scudo ma dal limite, c’è il forte fendente dal basso in alto di Maccari che gonfia la rete locale. L’Audax ora si rifà sotto, Parmegiani prima spreca un contropiede solitario buttando la palla a lato, poi fa centro al 45° con un tackle vincente e un tocco sottomisura sull’uscita di De La Cruz (subentrata a Catalini nella porta lorese). Al 49° Arianna Sanità intercetta un passaggio ospite sulla mediana, avanza sule versante destro e spara una fucilata da lontano sul quale De la Cruz nulla puo’. E’ la fine del match, ben diretto da Fattori di Macerata.

Archivio blog